News

2019: un’annata promettente

Da molti anni non raccoglievamo le nostre varietà bianche a cavallo tra settembre e ottobre: risultato di una primavera capricciosa che ha ritardato lo sviluppo dei germogli.

Durante l’estate, si sono registrate le abituali punte di calore che, in quanto brevi, non hanno ostacolato il regolare percorso di maturazione.

Le cose migliori le abbiamo viste in vendemmia quando le condizioni si sono rivelate ottimali: pochissima pioggia, sbalzo termico accentuato e temperature miti nella parte centrale della giornata.

I vini ora stanno maturando sul deposito fine dove trovano gli elementi per completare la loro personalità, sia i bianchi che i rossi hanno tutto per competere verso l’alto.

AP